Interviste: Yoga con Anne-Michèle Hambye

per Beatrice2.jpgChi sei?
Mi chiamo Anne-Michèle Hambye  e sono d’origine Belga. Dopo la scuola di teatro,  di circo e  la laurea in educazione, mi sono trasferita in Italia 13 anni fa. Ho  ristrutturato una casa in Piemonte per farne un centro di rigenerazione. Durante questo periodo mi sono formata sia nell’arte del costruire che quella del movimento: yoga

Cosa fai?
Ispirata dalla Nuova Volontà Yoga insegno gli esercizi fisici dello yoga: ãsana e  guido i turisti nella natura o in città. In ambedue discipline seguo l’obbiettivo di facilitare le relazioni mediante una percezione guidata delle diverse forme circondanti. Nella pratica dello yoga cerco di stimolare il portamento leggero e la dinamica della schiena. Oltre all’estetica di un portamento ben innalzato, questo può anche facilitare le percezioni nella vita sociale.

Dove lo fai?
Nelle Valle delle Giudicarie a Tione, Comano Terme, San Lorenzo in Banale e nella Valle dei Laghi, ad Arco e Riva del Garda. Mi sposto anche per un weekend in altri regioni dell’Italia. Ho scelto di andare incontro ai partecipanti invece di avere un centro fisso. Però creare uno studio dedicato alla rigenerazione è un progetto che sto concretizzando in Val di Ledro ( TN).

Che cosa ti emoziona di più di ciò che fai e che emozione/i ti dà?
Ciò che mi tocca veramente è vedere i progressi dei partecipanti: quando vedo che sono più flessibili, più dinamici, che il senso per l’estetica del movimento cresce, che la fronte e lo sguardo sono più chiari e, per lo più, quando capiscono il processo che forma l’esercizio.

In che modo la tua attività è legata alla tematica “intelligenza emotiva”/riconoscimento delle emozioni? In altri termini, in che modo le emozioni sono legate all’attività che svolgi?

Nella pratica dello yoga le emozioni ricevono poca attenzione e ci si concentra piuttosto su quelli che possiamo chiamare i “sentimenti sottili”. Le emozioni con i loro sali e scendi possono essere viste come le onde del mare, mentre i “sentimenti sottili” come la sua profondità. Il processo che idealmente dovrebbe avvenire è che la zavorra delle emozioni come odio, disprezzo, passione, depressione, esaltazione ecc… dovrebbe ritirarsi un po’ per dare spazio a dei sentimenti più essenziali. Questi ultimi sono spesso presenti nella nostra vita però prestiamo loro poca attenzione.

Come si fa in pratica?

Per un paio di lezioni ci fissiamo un tema, un’idea che vogliamo approfondire. Questo tema ha poco a che fare con il “ come mi sento”, “ come mi trovo”, “quanto alta è oggi la mia autostima”. È piuttosto come un’”immagine calma” alla quale rivolgere la nostra attenzione e che lascia sbucare durante la pratica degli esercizi un “sentimento sottile”. Quanto spesso dico agli allievi: “Prima di fare, pensate l’esercizio.”; con questa attività di riflessione e immaginazione, i sentimenti sottili possono essere percepiti..

Un esempio?

Halasana la posizione dell’aratro, ricorda l’ancestrale attrezzo dell’aratro. È contraddistinta da un sentimento d’ampiezza nella strettezza. La testa riposa al pavimento, quando il tronco e le gambe si trovano sopra la testa. La posizione stessa dà un sentimento di strettezza. Il sentimento dell’ampiezza invece viene dalla differenziazione tra la base dell’esercizio, la testa “tranquilla” e la parte mediana della schiena che si innalza per trovare un’estensione in alto che poi si prolunga nella gambe, e in un movimento delle braccia in senso contrario. Il respiro è profondo nella parte dell’addome. Il pensiero della differenziazione dell’attività guida il movimento e lascia scaturire un sentimento particolare: vivere nella strettezza l’ampiezza, l’estensione. Questo sentimento non viene né dal corpo, né a caso, ma deve essere proprio creato prima attraverso un’immagine mentale.

Il partecipante che vuole approfondire l’idea di ampiezza nella strettezza nell’immagine dell’aratro, può anche scoprire nel suo quotidiano esattamente delle vicende in cui si trova nella strettezza ed grazie alla sua attività si sviluppa una nuova estensione, una trasformazione.

Che valore ha per te lavorare con e/o attraverso le emozioni?
I miei corsi sono molto pratici, impariamo le diverse posizioni, la loro specifica dinamicità e la loro forma. Ci alleniamo a formare il corpo, ma anche l’idea caratteristica della posizione. Mediante la ripetizione di questo processo, in cui emozioni meno importanti svaniscono e altre più profonde prendono la guida, possiamo portare più ordine nella nostra consapevolezza. Lasciare cadere dalle nostre spalle la zavorra di emozioni pesanti, per scoprire sentimenti più essenziali e così raddrizzare la nostra schiena è per me un importante valore.

Che cosa ti piace di Training In Emotions?
Conosco Training in Emotions tramite Beatrice Monticelli. Se la sua persona riflette il loro lavoro, allora posso dire che è l’entusiasmo e lo spirito di ricerca che mi piacciono! Mi piace anche “Facilitare” come parola chiave perché dall’inizio si posiziona al fianco e dà lo spazio per lo sviluppo della persona. Fa “solo” che facilitare…

Ci lasci dei riferimenti attraverso i quali le persone che leggono possano contattarti o approfondire quanto tu proponi?

In estate propongo 6 lezioni alle settimana accompagnate con delle paseggiate ad Andalo

www.arte-movimento-yoga.it

facebook e LinkedIn Anne-Michèle Hambye

Mobile: 0039 371 15 965 15

 

Annunci
Pubblicato su Buone pratiche, Interviste

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Corsi in Programma

Nessun evento in arrivo

Contacts- Roma
Antonella Brogi +39 - 3400861241
traininginemotions@gmail.com
Contacts - Trento
Beatrice Monticelli +39 328 065 5414
traininginemotions@gmail.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: